Valerie Geerts - IPHM

Stress Management & Burnout Coach

Mindfulness

Milano 

E-coaching

iphmlogo-approved-therapist.jpg

+39 3334704793

P.Iva: 10691520968

  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

©2019 by Valerie Geerts - Stress Management & Burnout Coach. Proudly created with Wix.com

I costi dello stress nel luogo di lavoro




In molte organizzazioni vi è l’errata percezione che la gestione dei rischi psicosociali sia un’attività impegnativa che comporta costi aggiuntivi, quando in effetti l’esperienza dimostra che il non affrontare tali rischi può generare costi persino maggiori per i datori di lavoro, i lavoratori e per la società in generale.

Vorrei darvi un’idea dei costi dello stress lavoro correlato e quali sono i metodi e le strategie per ridurre lo stress.


A livello individuale: I principali costi per gli individui riguardano il deterioramento della salute, il minor reddito e la riduzione della qualità della vita. Lo stress influisce sulle prestazioni e conduce all’assenza del lavoro. Se prolungato può causare gravi problemi di salute come le malattie cardiovascolari o muscolo-scheletriche. Inoltre, lo stress porta a una tensione emotiva e un peggioramento della qualità di vita sperimentati dai soggetti che ne sono colpiti, come il coniuge, i figli e altri familiari;

A livello dell’organizzazione: Le organizzazioni sono colpite da un aumento dei costi in termini riduzione di impegno del lavoratore, prestazione e produttività, assenteismo, presentismo, riduzione della produttività, aumento del turnover del personale e abbandono precoce, incidenti causati da errore umano, scarsa adesione alle procedure di sicurezza e conseguentemente una loro scarsa applicazione, potenziali implicazioni legali, ecc;

A livello sociale: I costi di assistenza sanitaria e i risultati aziendali più poveri influiscono in ultima analisi sulle economie e sulla società nazionali.


La Commissione europea (2002) ha calcolato che nel 2002 il costo annuo dello stress lavoro-correlato nell’UE a 15 ammontava a più di 20 miliardi di EUR, comprendendo costi lavorativi, personali e sociali.

Nel recente progetto realizzato da Matrix (2013) con finanziamenti dell’UE, il costo della depressione da attività lavorativa calcolato per l’Europa era di 617 miliardi di EUR l’anno. La cifra complessiva era costituita dai costi per i datori di lavoro dovuti all’assenteismo e al presentismo (272 miliardi di EUR), dalla perdita di produttività (242 miliardi di EUR), dai costi dell’assistenza sanitaria per un totale di 63 miliardi di EUR e dai costi in termini di prestazioni previdenziali sotto forma di sussidi di inabilità al lavoro (39 miliardi di EUR).


Gli studi stimano che il 50-60% dei congedi per malattia sono direttamente causati dallo stress.


Invece dai dati riguardante gli interventi realizzati nei luoghi di lavoro per contrastare lo stress risulta la loro efficacia in termini economici.

Per esempio nei Paesi Bassi gli interventi realizzati nell’arco di quattro anni sui luoghi di lavoro per far fronte ai rischi psicosociali nel settore della polizia hanno avuto un costo pari a 3 milioni di EUR. Grazie a tali interventi, il numero dei rischi psicosociali è diminuito. Si è registrata una riduzione del 3 % dell’assenteismo, che ha permesso un risparmio di 40 milioni di EUR.

Gli interventi introdotti a livello di organizzazione al fine di ridurre lo stress e le assenze per malattia tra i dipendenti comunali nel Regno Unito hanno permesso di risparmiare 1,13 milioni di GBP nell’arco di due anni.  


Che cos’è stress lavoro correlato?

Secondo l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA), lo stress lavoro-correlato emerge quando le richieste dell’ambiente di lavoro superano la capacità dei lavoratori di farvi fronte.


Gli studi hanno dimostrato che brevi periodi di esposizione ai pericoli psicosociali e allo stress sono associati a reazioni quali disturbi del sonno, alterazioni dell’umore, affaticamento, mal di testa e irritabilità gastrica. Invece un’esposizione prolungata ai pericoli psicosociali è associata a un ampio ventaglio di disturbi di tipo psichico e fisico, tra cui ansia, depressione, tentati suicidi, disturbi del sonno, lombalgie, affaticamento cronico, problemi digestivi, malattie autoimmuni, compromissione della funzione immunitaria, malattie cardiovascolari, ipertensione.


Quali sono le cause dello stress lavoro correlato?

Le teorie contemporanee dello stress si sono allontanati dalla concezione dello stress come una risposta a un evento esterno, e lo considerano come un'interazione dinamica tra l'individuo e il loro ambiente. In altre parole, lo stress avviene a causa di una mancanza di adattamento tra le competenze, le risorse e le capacità dell’individuo, da un lato, e le esigenze dell’ambiente di lavoro, dall’altra parte.  Le attuali teorie dello stress riconoscono il ruolo centrale dei processi psicologici (come la percezione, la cognizione e l'emozione) nella comprensione di:

- come l'individuo riconosce le situazioni stressanti,

- come tenta di far fronte a quell'esperienza, e

- come potrebbe influenzare la loro salute fisica, psicologica e sociale.


Tecniche e strategie per gestire e prevenire lo stress legato al lavoro

Di seguito vi presento una panoramica dei metodi e delle strategie utilizzati per gestire e prevenire lo stress correlato al lavoro, rivolti sia al luogo di lavoro, ma soprattutto al singolo lavoratore. Per facilitare la comprensione, suddivido gli interventi in tre livelli: primario, secondario e terziario:


- Livello primario: Questi interventi, anche comunemente denominati "interventi a livello organizzativo" o come "prevenzione dello stress", si occupano di ntervenire per modificare o eliminare le fonti di stress (ossia i rischi psicosociali) inerenti al luogo di lavoro dell'ambiente di lavoro, riducendo così il loro impatto negativo sulla persona o riducendone l'esposizione.

Per esempio:

- La riprogettazione del compito di lavoro o dell’ambiente di lavoro;

- Stabilire una flessibilità nell’orario di lavoro;

- Incoraggiare la libertà decisionale;

- Analizzare i ruoli di lavoro e stabilire degli obiettivi chiari e realistici;

- Fornire feedback costruttivo;

- Fornire un supporto sociale;

-...

- Livello secondario: Gli interventi di livello secondario riguardano l'individuo, la gestione dello stress e il potenziamento della capacità dei lavoratori di gestire in modo più efficace le condizioni stressanti aumentando la loro consapevolezza, conoscenza e le loro competenze. Tali strategie, sono quindi dirette a gruppi "a rischio" all'interno del luogo di lavoro. Anche se queste strategie sono di solito concettualizzate come opzioni di gestione dello stress a livello individuale, abbracciano anche l’idea che i singoli dipendenti lavorano all'interno di un team o di un gruppo di lavoro e che il benessere del individuo rafforza il benessere del team. Alcuni esempi di intervento secondario includono:

-Corso di gestione dello stress;

-Stress coaching professionale con l'obiettivo di aiutare l’individuo a riconoscere i sintomi e a imparare a gestire lo stress.

- Livello terziario: Gli interventi di livello terziario sono stati descritti come strategie reattive, in quanto sono considerati un approccio curativo alla gestione dello stress per le persone con disturbi da stress e includono un aiuto professionale di stress coaching.


Conclusione

Dagli anni ‘90, lo stress è stato ampiamente riconosciuto come uno dei problemi di salute più problematici legati al lavoro. C'è un crescente consenso che lo stress è definito da un'interazione dinamica tra l'individuo e il suo ambiente. Gli interventi per gestire e prevenire lo stress legato al lavoro devono mirare sia al lavoratore che al posto di lavoro. Una migliore gestione dello stress sul luogo di lavoro ha chiari benefici per l'individuo, l'organizzazione e la società.


#stresslavorocorrelato #stresscoach #prevenzionestress