Burn-out




Il burn- out è un insieme di sintomi che deriva da una condizione di stress cronico e persistente, associato al contesto lavorativo.


Un burn-out è una sindrome di adattamento, quindi non si tratta di una malattia, ma potrebbe eventualmente portare a delle patologie più complesse da affrontare come la depressione o dipendenze varie. Per questo motivo non va sottovalutato, e necessita un intervento professionale.

Una persona che soffre di un burn-out, ha bisogno di un percorso graduale che abbraccia il benessere, partendo dal benessere fisico e solo successivamente mentale e sociale.

Ma partiamo dall’inizio. Che cos’è un burn-out?

"Burn out" è un termine di origine inglese che letteralmente significa "bruciato", "esaurito" o "corto-circuito". Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il burnout è una sindrome derivante da stress cronico associato al contesto lavorativo, che non riesce ad essere ben gestito.

La sindrome del burn-out è caratterizzata da una serie di fenomeni di affaticamento, delusione, logoramento e improduttività che sfociano in prostrazione e disinteresse per la propria attività professionale quotidiana.


E quali sono le cause?

Il burnout va inteso come un processo multifattoriale che può riguardare tutte le persone, ma anche ogni posto di lavoro. Questa forma di esaurimento è determinata da una condizione di stress cronico inserito in un contesto lavorativo e/o derivante da esso, nella quale viene percepito uno squilibrio tra richieste-esigenze professionali e risorse disponibili.

La sindrome da burnout è sostenuta, quindi, da un vissuto di demotivazione, delusione e disinteresse. I ritmi intensi, le richieste pressanti e la responsabilità lavorativa in combinazione alla tendenza a identificarsi con la propria professione, determinano spesso un grande investimento di energie e risorse che, nel tempo, può facilitare la comparsa di questa forma di esaurimento.


Quali sono i sintomi del burn-out?

La sindrome del burn-out è caratterizzata da un rapido decadimento delle risorse psicofisiche e da un peggioramento delle prestazioni professionali.

Il burnout non si manifesta quasi mai in modo improvviso, ma è il risultato di un processo graduale che si sviluppa nel tempo. All'inizio, il lavoratore si trova a sostenere con forte impegno le mansioni che gli vengono assegnate, allo scopo di mantenere le proprie capacità di rendimento. Tuttavia, il forte carico di lavoro associato a poche fasi di riposo può tradursi in un vero e proprio sfinimento psichico.

Nella maggior parte dei casi il burnout, si sviluppa in modo subdolo: spesso, chi ne soffre non se ne accorge e considera normali i primi campanelli d'allarme, come insonnia, cefalea, mal di stomaco, insofferenza per i turni e poca motivazione per lo svolgimento dell'attività lavorativa.

Un segno caratteristico del burnout è che il lavoratore non riesce a recuperare nonostante le possibilità di riposo (la sera, nel fine settimana, in vacanza ecc.).


Le manifestazioni della sindrome da burn-out sono numerose e varie, ma tre caratteristiche sono sempre presenti:

  1. Un esaurimento fisico e mentale

  2. Un distacco mentale

  3. Una ridotta efficacia professionale

La sindrome da burnout è una situazione di forte disagio, non solo per il soggetto, ma anche per i colleghi e i parenti, e può comportare diverse conseguenze nella vita quotidiana.

Il burnout può condurre, inoltre, il soggetto ad un abuso di alcol, cibo, farmaci o sostanze psicoattive. Se non s'interviene, si possono verificare isolamento, autolesionismo e impoverimento della vita di relazione, disturbi d'ansia, crisi di panico e depressione.

  • Rispettare le proprie esigenze (sonno, cibo, attività fisica ecc.) e risposare a sufficienza nei momenti di recupero dopo il lavoro: l'importante è ritagliarsi del tempo per fare ciò piace;

  • Fissare obiettivi ragionevoli, senza pretendere troppo da sé stessi;

  • Quando la mole di lavoro sembra davvero eccessiva, definire le priorità con il vostro superiore oppure, se è possibile, delegare ad altri alcune delle mansioni da portare a termine;

  • Evitare i conflitti con i colleghi ed adottare un atteggiamento proattivo;

  • Condurre uno stile di vita sano (sport, dieta, ecc.) per una maggiore resilienza nel fronteggiare qualsiasi tipo di esperienza stressante.

Non esitare a contattarmi nel caso volessi avere ulteriori informazioni per te o per qualcuno che conosci!

P.Iva: 10691520968

Professionista disciplinato ai sensi della legge 4/2013

©2019 by Valerie Geerts - Stress Management & Burnout Coach. Proudly created with Wix.com

  • Youtube
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale